Sonnolenza negli anziani, quando preoccuparsi?

" La sonnolenza negli anziani può essere dannosa? Quando bisogna iniziare a preoccuparsi? Le risposte e i nostri consigli sul sito! "

Data: 14/4/16 | Vista: 3821

Sonnolenza negli anziani, quando preoccuparsi?

Sonnolenza negli anziani: quando iniziare a preoccuparsi?

La sonnolenza negli anziani durante le ore diurne può essere determinata da cause diverse alcune delle quali non sempre preoccupanti. In alcuni casi, però, quando l'avere sonno diventa eccessivo è necessario compiere delle indagini più approfondite così da cercare di portare alla luce eventuali problemi di salute.

Continua a leggere per scoprire i dettagli e se sei alla ricerca di una casa di riposo per un tuo parente anziano, siamo a tua disposizione. Contattaci subito: ti risponderemo in pochissimo tempo!

Quanto tempo devono dormire gli anziani?

Non è semplice rispondere a questa domanda perché il ritmo circadiano, quello cioè che gestisce le ore di sonno e di veglia, è influenzato da fattori diversi e personali. È possibile, tuttavia, fare una stima media: se un adulto in buona salute tende a dormire 7 o 8 ore ogni notte, per gli anziani i tempi si riducono alle 5 o 6 ore per notte.

Man mano che l'età aumenta, inoltre, cambia il nostro modo di dormire: il sonno notturno tende a frammentarsi in più risvegli determinati dal sopraggiungere dell'insonnia o da patologie diverse che finiscono per incidere nelle ore del riposo notturno.

La sonnolenza negli anziani, quindi, spesso è fisiologica perché è determinata da una cattiva qualità del riposo notturno.

Sonnolenza negli anziani: quando diventa problematica?

Come fare per rendersi conto se la sonnolenza negli anziani sia sintomo di un problema di salute? Un primo campanello d'allarme può essere considerato la quantità di ore che l'anziano trascorre dormendo durante il giorno: se tende a dormire per moltissime ore o se preferisce stare al letto molto tempo allora l'eccessiva sonnolenza potrebbe essere sintomo di patologie quali la depressione.

La depressione, infatti, tende a incidere negativamente sulle abitudini quotidiane. Chi ne soffre tende a preferire l'isolamento, a cadere nell'apatia e a soffrire di insonnia durante la notte.

In tal caso, riuscire a motivare l'anziano diventa fondamentale per garantirgli una migliore qualità della vita.

Hai bisogno di assistenza per un anziano? Siamo a tua disposizione a poca distanza da Roma: contattaci adesso! Ti risponderemo in pochissimo tempo!

Richiedi Informazioni

"Sonnolenza negli anziani, quando preoccuparsi? "

Voto: 5 su 5
di 1 votanti.

Voti Articolo


Torna Su
Aiuto
Hai bisogno di aiuto?