Demenza anziani, scarso equilibrio da non sottovalutare

" Lo scarso equilibrio può essere considerato un possibile campanello d'allarme per il rischio di demenza negli anziani. Scopri i dettagli sul sito! "

Data: 9/8/16 | Vista: 324

Demenza anziani, scarso equilibrio da non sottovalutare

Demenza anziani, le scarse abilità fisiche sono un campanello d'allarme

La demenza negli anziani è una delle patologie neurologiche più diffuse e invalidanti. Le ricerche che vengono svolte in questo campo sono numerose e ogni giorno permettono di conoscere meglio le cause scatenanti.

Continua a leggere per scoprire i dettagli e se hai bisogno di assistenza per un anziano, siamo a tua disposizione: contattaci adesso! Ti risponderemo in pochissimo tempo!

Demenza anziani e disturbi dell'equilibrio

Stando a una ricerca condotta dagli studiosi dell'Università della California i disturbi dell'equilibrio negli ultra-novantenni possono essere considerati un campanello d'allarme per il rischio di demenza. La difficoltà a restare in equilibrio e a compiere semplicissimi movimenti infatti sembrano essere in stretta relazione con il declino cognitivo.

I ricercatori sono arrivati a questa conclusione dopo aver analizzato per circa due anni e mezzo lo stato di salute psicofisica di un gruppo di 578 anziani con età pari o superiore ai 90 anni. Ogni sei mesi gli anziani venivano sottoposti a controlli neurologici, fisici e cognitivi per valutare il loro stato di salute.

È stato rilevato che gli anziani che mostravano difficoltà a compiere semplicissimi test fisici come il restare in equilibrio in piedi e camminare per pochi metri avevano maggiore probabilità di sviluppare in seguito i sintomi della demenza. In particolare, nel corso dello studio ad ammalarsi di demenza senile sono stati circa il 40% degli anziani.

Abilità fisiche e demenza negli anziani: quale nesso?

Stando al parere degli esperti i disturbi dell'equilibrio e la demenza negli anziani avrebbero in comune un elemento molto importante: i disturbi vascolari. Problemi come gli sbalzi di pressione o il ridotto afflusso di sangue al cervello possono provocare piccoli danni neurologici che, accumulandosi nel tempo possono dar vita alla demenza senile.

Riuscire a contrastare gli sbalzi di pressione attraverso un'apposita terapia farmacologica, quindi, può aiutare gli anziani ad allontanare il rischio di demenza.

Hai bisogno di assistenza per un anziano? La nostra casa di riposo è a tua disposizione: contattaci ora! Ti risponderemo in poco tempo!

Richiedi Informazioni

"Demenza anziani, scarso equilibrio da non sottovalutare "

Voto: 5 su 5
di 1 votanti.

Voti Articolo


Torna Su
Aiuto
Hai bisogno di aiuto?